Italia

Padova: Cosa Vedere

Recentemente mi è capitato di presenziare un corso nella città di Padova, nel nord Italia. Ovviamente ho approfittato dell’occasione per conoscere i principali punti turistici e scoprire la storia della terra degli Spritz! Purtroppo, il tempo a disposizione era poco, pertanto ho raccolto alcuni suggerimenti e fatti curiosi su questa regione veneta.

 

La città è conosciuta per i famosi affreschi di Giotto e per Santo Antonio, patrono della città. Inoltre, l’università di Padova è una delle più vecchie al mondo (al settimo posto per esattezza) fondata nel 1222 e possiede il Giardino Botanico Universitario più antico al mondo, datato 1545.

Un fine settimana è sufficiente per girarla bene e vedere le principali attrazioni, sta relativamente vicina ad altre bellissime città come Venezia e Verona (di cui parlerò qui). Dunque, se avete intenzione di visitare questo capoluogo, leggete qui sotto cosa vedere a Padova.

 

Basilica di Santo Antonio

Sicuramente la chiesa più importante di Padova e meta di grande pellegrinaggio. Costruita nel 1231, ci mise 80 anni per essere finita. Ha diversi stili, la facciata romanica, cupole bizantine, campanili moreschi. È aperta tutti giorni dalle 6.20 alle 19.45 e l’entrata è gratuita. Consigliatissimo visitarla e scoprire tutte le sue reliquie.

 

Piazza dei Signori e Torre dell’orologio

Centro Storico della città, circondata da palazzi seicenteschi e di architettura caratteristica. È lì che si trova la famosa torre dell’orologio astronomico. Fu costruita nella prima metà del XIV secolo come porta orientale della Reggia Carrarese. Si può osservare che attorno ai numeri ci sono i segni zodiacali, ma guardando attentamente si noterà che manca quello della bilancia!

Di sera si trovano tanti localini e persone a fare happy hour fino a tarda serata.

 

 

Prato della Valle

La 2° maggior piazza d’Europa (perde solo per quella di Mosca) con circa 90 mila mq regna al centro della città. È composta per un’isola verde centrale (Isola Memmia, nome dato in onore al suo costruttore), 1,5 km di canale attorno e circondata da 78 statue di personaggi famosi del passato come Galileo Galilei ed il poeta Torquato Tasso.

Molto bella e curata, con una vista stupefacente della Basilica di Santa Giustina.

 

Cappella degli Scrovegni

A guardare da fuori non si direbbe che questa cappella contiene il ciclo di affreschi più rilevante di tutto il mondo. Giotto, nei primi anni del XIV secolo dipinse questo posto, finendolo in solo 2 anni! Per visitarla è decisamente consigliato la prenotazione (anche online), io purtroppo non sono riuscita ad entrare perché erano esauriti i posti. Tenete conto che entrano soltanto 25 persone alla volta (compresa la guida) e prima si entra in una sala di compensazione dove si sosta per 15 minuti per la stabilizzazione del microclima interno. Poi si entra nella cappella dove si rimangono ancora altri 15 minuti per poi uscirne. Per il sentito dire, ho saputo che è meravigliosa per cui organizzatevi in anticipo e non mancatela!

 

Piazza delle Erbe e della Frutta

Stanno anche loro al centro storico di Padova, conosciute principalmente per il ruolo commerciale, ospitano i mercati più grandi d’Italia. Piazza delle Erbe chiamata così perché dove si trovavano tanti venditori di lattughe, cipolle, porri, verze e della Frutta per i tanti fruttivendoli. Inoltre, in mezzo tra le due piazze si trova il Palazzo della Ragione (di cui parlerò più avanti). Il passaggio coperto tra le due piazze è conosciuto come Volto della Corda. Chiamato così perché vi erano corde che venivano legate ai polsi dei commercianti imbroglioni, sollevandoli per qualche metro per poi lasciarli cadere come pena.

 

Palazzo della Ragione

Questa costruzione a forma di nave rovesciata era la sede del Tribunale nei secoli scorsi. Chiamata dai padovani “il Salone”, perché al piano superiore si trova questo locale lungo 80 metri e largo 27m tutto ricoperti di affreschi. Nel 1420 ci fu stato un incendio che ha distrutto tutti i dipinti di Giotto che erano presenti, oggi conta con decori di soggetto astrologico.

Aperto da martedì a domenica dalle 9:00 alle 19:00 (nel periodo invernale dalle 9:00 alle 18:00) e l’ingresso costa 6 euro.

Vi sono innumere curiosità su questo posto medievale. Sotto i portici si vedono ancora scolpite alcune unità di misura che venivano usate dai mercanti per evitare discussioni sulle quantità di merci scambiate.

 

Orto Botanico

È il piu antico orto universitario al mondo, costruito nel 1545 conserva ancora la facciata originale, e contiene circa 7 000 esemplari di specie botaniche. Situato nei pressi del Prato della Valle, è aperto da martedì a domenica dalle 9 alle 18 (gli orari possono variare a seconda della stagione, guardate il sito per esserne sicuri) ed il biglietto costa 10 euro.

Io personalmente non sono entrata, perché il tempo a disposizione era poco…ma ecco alcune fotto dell’esterno

 

Spero che il vostro soggiorno a Padova sia piacevole tanto quanto è stato il mio e bevete tanti Spritz!

 

Enjoy 😊

Trent'anni fa, in un piccolo paesino del Brasile nascevo io. Una sorpresa inaspettata, ma che ha riempito la casa di solarità e energia. Vissi lì fino ai miei 17 anni, quando finito il liceo decisi di venire alla avventura in un paese totalmente sconosciuto. Ed ora mi trovo qui, a Milano dove lavoro e studio Marketing Digitale. Mi definisco uno spirito libero, una donna determinata e ambiziosa ma con i piedi per terra. Spesso sento dire che il mio sorriso insieme al mio sguardo trasbordano di allegria...pertanto cerco di mantenere la positività e il buon umore sempre che possibile. La mia più grande passione è viaggiare. Amo incontrare nuove culture, nuovi volti e nuovi posti bellissimi in questo vasto pianeta. Per cui ho creato il blog, per dividere con voi qualche mia avventura, illustrando come ho vissuto ogni città o paese dove sono passata, con piccoli suggerimenti che dal mio piccolo posso darvi per far sì che la vostra vacanza sia speciale come le mie :) Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *